Distribuzione Vini Naturali

Spagna

Bodega Cauzon – Granada – Spagna

Bodega Cauzon di Ramon Saavedra
Almeno una volta nella vita andrebbe provato un vino di altura della Sierra Nevada; baciato dalla fortuna è colui il quale avrà il piacere di berne uno dell’ormai ex chef ed oggi viticultore Ramon Saavedra.
Le vigne si trovano a 1200 metri di altitudine alle spalle della Sierra Nevada, a meno di 200km dall’Africa, e a poco più di 50 km dal mare. Si tratta di un microclima unico al mondo, in cui freddo e calore aiutano le uve a maturare in modo equilibrato. La produzione è molto piccola, curata in ogni dettaglio ed il risultato sono dei vini unici, ricchi, eleganti e sorprendenti.
Il Bianco è ottenuto da uve Torrontes, Sauvignon blanc, Chardonay, Viognay; trattasi di un vestito di cashmire firmato Valentino.
Il Degarciano Rosado – da uve graciano – è setoso come l’abito talare dell’Arcivescovo di Canterbury.
Il Cauzon Tinto è un tempranillo purissimo intenso e dritto, che per via dell’altitudine, ricorda lo stile della Borgogna. Un foulard di Missoni.
Il Duende Tinto – da uve sirah – divertente e fuori dal comune come un jeans di Marc Jacobs.
Il Pinot Noir in purezza, è l’emblema di come dovrebbe essere un Pinot Nero, unisce stile e brio come una cravatta di Pierre Cardin.

 
I vini prodotti

  • Cauzon Blanca 2017 (50% Macabeo, 20% Viogne, 15% Chardonnay, 15% Sauvignon) Acciaio – Senza solfiti aggiunti.
  • Cauzon Tinto 2017 (100% Tempranillo) Acciaio – Senza solfiti aggiunti.
  • Cabrònicus 2017 (50% Tempranillos, 50% Graciano). Macerazione carbonica. Acciaio – Senza solfiti aggiunti.
  • Duende 2017 (100% Syrah). Acciaio e Barrique – Senza solfiti aggiunti.
  • Mozuelo 2017 (100% Garnacha). Acciaio e Barrique – Senza solfiti aggiunti.
  • Pinoir 2017 (100% Pinot). Acciaio e Barrique – Senza solfiti aggiunti.
  • Caramerlot Dulce 2017 (100% Merlot). Barrique – Senza solfiti aggiunti.

Maestro Tejero – Castilla y León – Spagna

Alfredo Maestro è un cittadino, diventato contadino per scelta e non per obbligo. A guidarlo è la passione e l’amore, che infatti ritroviamo in ognuna delle sue bottiglie. La sua produzione è principalmente di rossi (Tempranillo e Garnacha), che possono essere bevuti sia giovani che invecchiati; poi c’è il LoveAmor, l’albillo (uva bianca) in purezza che stupisce anche i degustatori più esigenti.
Alfredo Maestro gestisce alcune vigne vicino Madrid, ma soprattutto in Castilla y Leon, a Penafel nella Ribera vicino Valladolid (la Bolgheri spagnola), terra che da sempre celebra i più premiati rossi spagnoli.
Lavorare vini naturali in questo lembo di terra è come essere in prima linea sul fronte di Caporetto, eppure Alfredo Maestro, maestro di nome e di fatto, da buon Caronte si impone il compito di traghettare eretici sommelier dai tantini vanigliati con glassa di trucioli verso la retta via del vino puro e nudo.
Una curiosità, se esistesse il premio per le migliori etichette di vino, Alfredo meriterebbe la medaglia d’oro indiscussa!

 
I vini prodotti